Stazione della metropolitana Alboraya - Peris Aragó

Progetto

I lavori della linea 3 della metropolitana di Valencia per la linea ferroviaria che attraversa la città di Alboraya hanno significato per la città la fine della divisione della rete urbana in due metà, poiché gli attraversamenti della linea, sia sotto terra che in superficie, hanno causato problemi e pericoli per i pedoni e il traffico dei veicoli.

Sono stati necessari tre anni per portare a termine i lavori della metropolitana e della nuova moderna stazione, inaugurata in dicembre 2010. In essa risalta l’atrio luminoso in superficie. La luce naturale che entra dalle finestre lo rende uno spazio aperto, che è al contempo protetto dagli agenti atmosferici. Ma la cosa più importante è che la luce entra e riesce a scendere giù lungo le scalinate e a raggiungere gli spazi sotterranei. Un sistema di illuminazione ben pensato completa l’effetto desiderato.

Al fine di costruire una stazione moderna dotata di tecnologie d’avanguardia applicate al settore dei trasporti, gli architetti incaricati del progetto, J. Pérez Igualada, D. Ayala e J. Martì, sono stati molto meticolosi nel redigere le specifiche di costruzione.

La richiesta di materiali da utilizzare è stata quindi molto elevata e gli architetti hanno trovato nel Compatto HPL Reysipur di Polyrey un alleato perfetto da utilizzare nei luoghi pubblici affollati come sulle pareti dell’atrio e dei binari, oltre che i sorprendenti pannelli che proteggono i corrimano delle scale mobili che scendono ai vari piani della stazione. La resistenza agli urti e ai graffi e le eccezionali proprietà fisiche, meccaniche e igieniche hanno rappresentato delle condizioni essenziali per il progetto.

La vasta gamma di colori del compatto Polyrey ha attirato l’attenzione dei progettisti, ma in ultimo si sono concentrati su un singolo colore: Gris Orage G059 nella finitura FA. Si tratta di un colore grigio profondo e delicato che definisce i volumi dello spazio, offre un punto di contrasto con la luce che entra dall’atrio superiore e vi assegna la totale importanza del progetto.

Dall’altro lato, era fondamentale dare forma alle aree servizi della stazione, come le toilette pubbliche, ossia ambienti da costruire con materiali igienici e facili da pulire. Il compatto HPL Reysipur ha rappresentato la risposta perfetta a tali requisiti, grazie alla superficie non porosa e alla sua composizione autoportante, per la quale non occorre alcun intervento di sostegno con altri materiali tipo legno. Così, il compatto è un materiale adatto ad applicazioni in zone come bagni pubblici e, poiché è un prodotto imputrescibile perfettamente adatto ai luoghi umidi, è anche facile da pulire, assicurando sempre condizioni igieniche perfette.